Come fare il green screen per lo streaming

Il chroma key o green screen è una tecnica che permette di rendere lo sfondo di una ripresa video o uno stream trasparente. In questo modo sarà possibile sostituire lo sfondo con altre immagini, ad esempio il logo del proprio canale Twitch o il gioco che si sta streammando in quel momento.

Come funziona il green screen o chroma key?

Le immagini digitali sono formate da tanti “puntini” o pixels, ogni pixel viene immagazzinato e gestito nella memoria del dispositivo con le sue componenti di colore (Red, Green e Blue). Miscelando i valori di queste tre componenti è possibile ottenere tutte le tonalità e sfumature di colore.

Alcuni software avanzati, come OBS, memorizzano le immagini non solo come tanti pixel formati da RGB, ma RGBA ovvero Red, Green, Blue e Alpha. Questo ultimo parametro rappresenta la trasparenza di un pixel, ovvero quanto questo pixel permette di vedere lo “strato” direttamente dietro all’immagine corrente.

Possiamo pensarla un po’ come una vecchia lavagna luminosa, riusciamo a vedere i lucidi dietro nei punti in cui quelli davanti sono trasparenti.

Il software non fa altro che cercare dei pixel nel video ripreso e, se trova un determinato colore, imposta la sua trasparenza al massimo. In questo modo tutti i pixel che corrispondono al colore del green screen (ad esempio il verde) risulteranno totalmente trasparentei e permetteranno di vedere le immagini sul “lucido” sottostante.

Che attrezzatura serve per fare un buon green screen?

In realtà non serve attrezzatura costosa per fare un chroma key per lo streaming. Bastano un panno perfettamente teso di un colore ben preciso da usare come sfondo ed un po’ di illuminazione fatta ad hoc.

La soluzione, secondo noi migliore sono i panni arrotolabili e quelli pieghevoli. Tra i panni arrotolabili possiamo trovare l’Elgato Green Screen oppure il Neewer Green Screen.

Come vedete, entrambi sono dei “rotoli” di panno verde con uno stand appoggiato al pavimento che possono essere srotolati all’occorrenza e tenuti in tensione da un sistema di barre posteriori.

L’altra opzione, che permette di avere un panno con meno grinze e la comodità di occupare davvero poco spazio è il green screen pieghevole, sempre della Neewer.

Questa seconda opzione è un pannello verde o blu tenuto in tensione da una struttura pieghevole esterna. Una volta aperto rimane perfettamente teso senza grinze e quando si finisce di utilizzarlo lo si ripiega e diventa delle dimensioni di un computer portatile.

La scelta tra il green screen a stand o quello pieghevole dipende dalle vostre disponibilità di spazio e dalle possibilità che avete di appendere o appoggiare quello pieghevole.

Nel caso non abbiate un modo affidabile per appendere il green back possiamo consigliarvi anche il T Stand della Neewer, uno stativo creato appositamente per mantenere i green screen pieghevoli.

Luci per green screen

Fino a questo punto vi sembrerà molto facile creare l’effetto chroma key o green screen per i vostri stream su Twitch (ad esempio). In realtà la parte più difficile e l’unica davvero fondamentale da far bene è l’illuminazione.

Ricordate poco prima, quando abbiamo detto che il software “cerca” tutti i pixel verdi e gli assegna una trasparenza totale? Ebbene, molti software risultano essere un po’ pignoli sulla definizione di “verde”. Questo significa che le ombre, le pighe, le sgualciture del green back verranno riconosciute dal software come nere o generalmente troppo scure per rientrare nella selezione dei pixel da bucare.

Risultato? Il software riuscirà a bucare solo alcune parti del video, con un effetto esteticamente brutto.

Per evitare questo problema dovremo creare un’illuminazione molto uniforme su tutto lo sfondo ed evitare le pieghe dello stesso. Ci verranno in aiuto i classici pannelli a led, dedicati esclusivamente ad illuminare lo sfondo.

I nostri preferiti sono i kit luci led Neewer con l’aggancio da scrivania, da utilizzare su un mobile o su un qualsiasi altro sostegno adatto.

Queste luci andranno posizionate a 45° rispetto allo sfondo, in modo da ottenere un’illuminazione coerente ed uniforme su tutta la superficie del panno verde. Nota bene, le luci dovranno stare tra il vostro schienale e lo schermo verde, non davanti a voi, altrimenti rischierete di proiettare la vostra ombra sullo schermo posteriore.

Finito il setup non vi resterà da fare che impostare il filtro chorma key o green screen nel vostro software di streaming o montaggio preferito.

Ad esempio su OBS, uno dei migliori per fare streaming su Twitch il filtro chorma key è già disponibile e di facile utilizzo.

Di seguito i prodotti ai prezzi migliori trovati su Amazon: